Gabriele Sala | Tanzanite
4749

Tanzanite

Tanzanite
Credenze: Secondo antiche credenze indossando la Tanzanite come gioiello si diffonde nel mondo il "risveglio del Sé" che reca e conferisce a chi la indossa uno stato di grande consapevolezza.

La Tanzanite è una gemma rara e giovane. La sua scoperta è recente e risale al 1967 quando furono rinvenuti dei giacimenti nel nord della Tanzania da cui ne deriva il nome. Pare comunque che fosse già conosciuta dalle tribù Masai, ma fino ad allora nessuno l’aveva mai studiata a livello gemmologico. Appartiene alla famiglia degli Epidoti ed è decisamente quella che presenta il colore più affascinante. Blu, viola porpora mescolati insieme in tonalità che sembrano rubate a un glicine dalle sfumature molto accese, presenta uno spiccato pleocroismo: ovvero sfumature di colore diverse a seconda dell’orientamento della luce che la attraversa, particolare che deve tenere ben presente il tagliatore. È un minerale idrato di calcio, alluminio, silicato.
Durezza: 6.6 o 7 gradi della scala Mohs.
Provenienza:
Particolarmente apprezzata negli Stati Uniti il suo valore oscilla con le richieste di questo mercato. Si trova in genere in grezzi di piccole dimensioni per questo gemme di una certa grandezza sono particolarmente preziose. Con il suo colore blu viola è una gemma estremamente elegante e a la sua rarità la rende perfetta per gioielli esclusivi. La Tanzanite viene estratta da giacimenti nelle la zona di Kiteto, nella regione di Arusha, nella Repubblica Democratica della Tanzania. Le miniere non sono molto lontane dal Kilimanjaro e dal monte Meru, che sono degli antichi vulcani.